“Cosa facciamo, quando facciamo esperienza?” – si chiede Piergiorgio Reggio all’inizio del suo ultimo libro, “Il quarto sapere”.
Ci sembra una domanda importante, che riprendiamo e amplifichiamo con altre domande, alcune di esse disseminate nella pagine di questo stesso volume. E allora ci chiediamo: cos’è, oggi, esperienza? E cos’è, oggi, “esperienza educativa”? Qual è la qualità specifica - se esiste - di un’esperienza educativa? Quale relazione si dà – se si dà – tra esperienza e apprendimento?
Domande ingenue, forse per questo un po’ scomode. Interrogano infatti quelle abitudini, quel “si è sempre fatto così” che sentiamo pronunciare in tv, per strada, a scuola, nei servizi; sono domande che puntano il dito su un “senso comune” che rischia di far perdere di vista ciò che è “proprio” dell’azione educativa o formativa, anche e in particolare a chi si occupa di educazione e formazione.
L’incontro con Piergiorgio Reggio e la prospettiva dell’Apprendimento Esperienziale che “Il quarto sapere” mostra possono certamente disegnare linee di risposta, ma anche aggiungere elementi di conoscenza e di riflessione critica intorno ad una delle dimensioni più complesse e al tempo stesso cruciali dell’accadere educativo e del lavoro pedagogico.
 
28 maggio 2012, presso la Direzione di Enaip Lombardia

News

  Si é concluso oggi, 6 luglio, nell'austera cornice di Villa di Breme Forno, sede "staccata" del campus Bicocca, la terza edizione del Master PROFESSIONE EDUCATORECompetenze cliniche per progettare...

17 aprile 2018, un'occasione per celebrare degnamente l'aniversario l'incontro il programma della giornata l'esito in testo di tanta ricerca      

More Articles